a spasso con Drew e Marion

Articoli con tag ‘turismo’

Camargue – giorno 3

Questa mattina Drew è già in piedi verso le quattro per fotografare l’alba. Naturalmente io dormo e non mi accorgo di nulla… Vedrò l’alba dopo, dalle foto… (Pigrona 😛 – Drew)

c301

Alle otto siamo in partenza, ci inoltriamo nella Camargue seguendo un percorso che abbiamo tracciato sulla cartina, in modo da vedere il più possibile del territorio.

c302

Essendo mattina, abbiamo la fortuna di vedere i famosi fenicotteri rosa : mancavano solo loro all’appello!

c303

c304

c305

Ora abbiamo visto tutti gli animali tipici della Camargue, tranne quello che qui chiamano “castorino selvatico”. Nome assai carino per lo stesso animale che da noi si chiama “nutria” … Proprio vero che in Francia riescono a trasformare qualunque cosa in tipica attrattiva. Penso già al fiume Po e i suoi “castorini selvatici”… oppure le stragi di “castorini selvatici” lungo le strade vicino a Rozzano…. vabbè, tanto di nutrie ne vedo fin troppe in Italia, non credo che quelle francesi siano più seducenti 😀 (alle nutrie niente foto 🙂 – Drew) Ancora qualche foto alla laguna e qualche arrampicata sulle postazioni di avvistamento e poi …via!

c306

c307

c308

c309

Si ritorna verso casa, ma…. passando per Menton ! Ancora un po’ di mare !!! (Visto che a Menton abbiamo passato giusto poche ore, qualche foto la metto qui, per chiudere l’itinerario nel sud della Francia – Drew)

ment1

ment2

ment3

ment4

ment5

ment6

(Marion)

Camargue – giorno 2

Al mattino ci alziamo piuttosto presto e ancora prima delle otto, siamo già a spasso sul lungomare.

c0201

c0202

Dopo colazione, visitiamo il mercato colorato con le merci tipiche. (Il mercato è davvero carino, un sacco di colori, sia nei banchi di tessuti che in quelli con spezie e altri prodotti tipici, e un sacco di profumi diversi. E’ davvero piacevole passeggiare tra le bancarelle ed è un piacere che coinvolge più sensi – Drew)

c0203

c0204

c0205

c0206

Quindi, altro lunga passeggiata sul lungomare (lo voglio vedere da ogni angolo , fin dove si può arrivare a piedi).

c0207

c0208

Dopo pranzo ce ne andiamo a visitare le vie del paesello e i negozietti.

c0209

c0210

c0211

Visitiamo pure la chiesa delle due sante Maria e Santa Sara.

c0212

c0213

Verso mezzogiorno traslochiamo in un altro hotel carinissimo sul lungomare, Les Amphores, perchè all’Hotel Camille avevano posto solo per una notte. Noi di solito non prenotiamo mai nulla, troviamo alloggio sul posto e non è raro farci qualche trasloco da un giorno all’altro… ma ci piace pure provare diversi hotel, questi poi sono proprio carini!

c0214

Pomeriggio in spiaggia a prendere il sole e per Drew bagno in mare, anche se l’acqua è piuttosto freddina. Contento lui… 😀 (Freddina non rende bene l’idea, gelida ci si avvicina di più 🙂 – Drew) Prima di cena, ancora un giro tra le vie e Drew non resiste alla tentazione di salire sul tetto della chiesa, per fotografare il paese dall’alto. Naturalmente io aspetto in piazzetta, su di una panchina, osservando persone e animali che passano (sport molto istruttivo).

c0215

c0216

c0217

c0218

c0219

Dopo cena, passaggio ormai rituale alle gelaterie dai cento gusti!!! Devo dire che dopo un giorno di vita da mare, mi sono disintossicata da tutti i ruderi visti in precedenza e mi sento tornare “normale” 😉

c0220

(Marion)

Camargue – giorno 1

Verso le 18 siamo in Camargue !!!! Ci accolgono i mulini a vento in ampie distese di campi. Finalmente un pò di verde, campagna, NATURA !

cam0101

C’è proprio tutto, come da manuale : tori neri, cavalli bianchi e casette col tetto di paglia. Assistiamo al rientro di una mandria di cavalli nei recinti. Bello! (E si, il paesaggio della Camargue è davvero bello e particolare. Un misto di prati, stagni, alberi bassi; la strada che abbiamo percorso scorre dritta e liscia in mezzo a tutto, quindi è facile fermarsi ogni tanto e lasciare che lo sguardo si perda ad osservare – Drew)

cam0102

cam0103

cam0104

Quindi andiamo a Saintes Maries de la Mer e alloggiamo in una deliziosa camera dell’ Hotel Camille, sul lungomare, che avevo individuato nella mia precedente visita. Simpatica la proprietaria, tipica francese in età tutta agghindata e truccata.

cam0105

E poi viaaaaaaaaa!!! Finalmente il mare, tanto mare !!! Stavolta sono io a fare le foto. Non riesco a non fotografare il mare e fotografo pure Drew che com’è vestito stasera sembra proprio un aitante zingaro 🙂 (Le foto fatte da Marion sono state censurate dal sottoscritto, vista la mia ingombrante presenza… ahahahaha – Drew)

Percorriamo passeggiando e fotografando un bel pezzo di lungomare, poi Drew riesce a staccarmi dalla spiaggia per andare a visitare il paese e a mangiare qualcosa.

cam0106

cam0107

cam0108

cam0109

Dopo cena, un gelato in una delle gelaterie dai 100 gusti diversi (slurp!! gelato alla rosa, alla violetta, alla lavanda…), qualche foto alla chiesa e ai negozietti e poi a nanna in una stanza SENZA MOQUETTE !!! (Questa prima giornata in Camargue in realtà è stata solo una serata, e dopo aver vagato senza sosta per quattro giorni un po’ di relax ci voleva proprio 🙂 – Drew)

(by Marion)

Provenza – giorno 4

E’ il quarto giorno in Provenza e ho visto innumerevoli monumenti, chiese, paesini, municipi, palazzi, castelli…tutti vecchi…pardon…antichi…comincio a sentirmi pure io una mummia… Ma prima di lasciare Nimes, Drew DEVE fotografare i monumenti della città. (Insomma, siamo stati due giorni in un posto e non vuoi fare qualche foto ?? – Drew)

nimes01

Io salgo in auto solo con l’assicurazione di non dover fare un altro passo a piedi per vedere qualsivoglia rudere! E infatti ogni volta lui ferma l’auto all’ombra e scende per farsi un giretto fotografico, mentre io osservo l’andirivieni quotidiano dei cittadini. Qui non c’erano molti turisti. (Sono un tiranno dal cuore tenero, nonostante costringa Marion a sopportare un FotoamatoreTecnicamenteScarsoMaPignolo, le concedo di stare all’ombra 🙂 – Drew)

nimes02

nimes03

Peccato che Mr.Drew abbia tralasciato di andare nell’unico posto di Nimes che mi sarebbe interessanto visitare, se ne avessi saputo l’esistenza ( e non l’avessi scoperta solo al ritorno a casa, esplorando con Google Earth), ovvero gli splendidi Jardins de la fontaine. (Mi dissocio da questa affermazione, io guido e fotografo, la ricerca preventiva non è compito mio, troppa poca arte in questo tipo di attività 😀 – Drew)

nimes04

nimes05

Dopo il giro e ri-giro della città, si parte e finalmente si va un un luogo normale : un centro commerciale !!! E’ un sollievo vedere qualcosa che non abbia più di 300 anni !! Incontrare persone normali che fanno la spesa, mamme con bambini che spingono carrelli, vedere degli scaffali con cibo e libri….ah! Siamo ancora negli anni 2000 allora!!! (Notare il fulgido e moderno esempio di auto francese nel parcheggio 🙂 – Drew)

cc01

Ripartiamo diretti nuovamente ad Avignone, per andare nel nostro negozio preferito, che il giorno prima era chiuso : Couleurs d’Ailleurs. Qui ci sfoghiamo negli acquisti per i regali.

av01

av02

Quindi passiamo il ponte futuristico sul Rodano e ci lasciamo alle spalle la civiltà moderna. Prima si fa una deviazione a vedere un’abbazia in rovina su di un monte… (Ci sono così tante rovine e così poco tempo… – Drew)

arles01

arles02

Poi arriviamo ad Arles e come prima cosa mi tocca visitare un cimitero assolato, poi delle piazze assolate, un’arena assolata, altre piazze assolate… Comincio a non poterne più!

arles03

arles04

arles05

arles06

arles07

arles08

arles09

E poi ci sono i posti di Van Gogh…vuoi non vederli???

arles10

Verso le 17 sono agli sgoccioli di pazienza e resistenza fisica. Trovo una scalinata sul fiume dietro a non so quale monumento cadente che Drew sta fotografando e mi ci piazzo per restare lì per sempre. Mi metto pure a chiacchierare in francese con una simpatica vecchietta che mi fa pure i complimenti per la pronuncia. In realtà sono fuori allenamento, ma chiacchiererei anche con un coguaro pur di non muovermi da lì!

arles11

Drew deve accorgersi della mia “leggera” irritazione e propone di ritornare all’auto, ma non senza aver fatto soste per foto al fiume e a qualche fontana. Vabbè… ora si parte davvero! Destinazione : CAMARGUE !

arles12

arles13

(by Marion)

Provenza – giorno 3

Terzo giorno. Si parte per Beaucaire, sull’altra sponda del Rodano, di fronte a Tarascona. Passeggiamo nel paesino, che troviamo piuttosto trasandato, a parte le piazze e  lungo il canale. (Ecco, questa è una delle cose che mi hanno colpito di più. Quasi tutte le piccole città hanno le vie principali ben tenute, ma appena ci si infila in qualche via secondaria, tutto sembra trasandato e lasciato andare – Drew)

Ci fermiamo a pranzare in uno dei localini con tavoli esterni vista canale. (Patatine fritte, entrecote, birra… Una delle migliori viste di Beaucaire 🙂 – Drew)

Dopo pranzo Drew vuole fotografare il castello e ci spostiamo in auto parcheggiando in un ampio spazio ombreggiato lungo il Rodano.

C’è una bella scalinata con una specie di lunga terrazza con le panchine e alle spalle case che sembrano rimaste all’epoca del dopoguerra. Molto caratteristico. Mi piace.

Quindi ripartiamo. Destinazione Pont Du Garde, un antico acquedotto romano costruito appunto sul fiume Gard.

E’ la seconda volta che lo visito e il posto mi piace sempre. Saliamo sull’acquedotto, guardiamo i ragazzi che si tuffano, passeggiamo nei dintorni, sui sentieri e nelle grotte.

(Il posto è davvero bello. Tutto ben organizzato e ben tenuto, devo dire che i francesi riescono a valorizzare bene le risorse archeologiche. – Drew)

Tappa per cibo e souvenir e si riparte per Avignone. Ovviamente visita al Palazzo dei Papi.

Poi al giardino vicino, che sembra rimasto agli anni ’50, con dei carrettini per i bimbi di stampo antico (o sono antichi???).

(I giardini sono davvero belli, e poi sono in posizione elevata rispetto al resto della città, quindi si riesce ad avere una bella visuale di Avignone e dintorni. – Drew)

Quindi visita al Ponte Saint-Bénezet e una passeggiatina lungo le mura.

Infine giro nel centro della città con acquisti di ogni tipo, compresa scatola di gessetti colorati che Drew prova su di un blocco, seduto su di una panchina in un giardinetto, vicino ad una fontana. Sembra uno di quei tipici artisti che negli anni ’70 si trovavano un pò ovunque in Francia 🙂

(Non è vero, ero solo un turista che provava il suo acquisto 🙂 e comunque quel negozietto di colori era proprio forte, con dentro due vecchiette e un cane vecchissimo, e con le cose ammassate ovunque come in una specie di labirinto. – Drew)

Cena in Place de l’Orloge e passeggiatina con gelato. Ritorno a Nimes per la notte, passando vicino alla ruota panoramica tutta illuminata di Avignone.

(by Marion)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: